Connect with us

Continua il progetto Natale per l’Emilia

ComunichiaMO

Continua il progetto Natale per l’Emilia

Continua il progetto lanciato cinque anni fa da tre cooperative sociali
Natale per l’Emilia aiuta il Centro Italia
Parte del ricavato delle vendite delle ceste andrà alle zone colpite dal sisma del 24 agosto
Continua “Natale per l’Emilia”, il progetto di welfare aziendale lanciato nel 2012 da tre cooperative sociali aderenti a Concooperative Modena – Eortè di Soliera, Oltremare di Modena e Vagamondi di Formigine –, insieme all’associazione Venite alla Festa (comunità di famiglie) e al gas La Festa (gruppo di acquisto solidale), entrambi di Limidi di Soliera.
“Natale per l’Emilia” è una promozione di confezioni natalizie contenenti prodotti di aziende emiliane, selezionate sulla base della cura del loro lavoro, la qualità e trasparenza della filiera, le garanzie per i lavoratori e l’ambiente. Tra i prodotti delle confezioni c’è anche il Parmigiano Reggiano dei caseifici 4 Madonne di Lesignana di Modena e La Cappelletta di S. Possidonio, oltre che i prodotti equosolidali di Oltremare e Vagamondi.
«Questa iniziativa è nata nel 2012 per sostenere l’economia colpita dal sisma dell’Emilia. Abbiamo ricevuto tanta solidarietà e siamo ripartiti – spiegano i rappresentanti di Eortè, Oltremare e Vagamondi – Insieme al Distretto di Economia Solidale di Modena abbiamo deciso che quest’anno “Natale per l’Emilia” è per le zone del Centro Italia colpite dal sisma del 24 agosto. Le ceste contribuiranno a sostenere progetti imprenditoriali di rinascita e sviluppo delle aziende terremotate. Non vogliamo, infatti, interrompere la strada della solidarietà, anzi desideriamo percorrerla insieme a molti già in cammino».
«Siamo orgogliosi che tre nostre associate abbiano promosso e tenuto in vita un’iniziativa così originale e utile – commenta il direttore di Confcooperative Modena Cristian Golinelli –
Natale per l’Emilia per il Centro Italia s’inserisce nella solidarietà intercooperativa, scattata sia a livello locale che nazionale subito dopo le prime scosse del 24 agosto. La cooperazione modenese vuole portare un aiuto concreto e dare una mano alla ricostruzione, ricambiando il sostegno ricevuto quattro anni fa».
Il Distretto di Economia Solidale, che durante il terremoto 2012 ha coordinato le attività dell’economia solidale, ha preso contatto con PosTribù, un gruppo di acquisto solidale della zona di Rieti che coordina gli aiuti alle zone colpite dal sisma. I promotori di “Natale per l’Emilia” sono orientati a sostenere progetti di economia solidale, cioè piccole aziende a conduzione cooperativa o familiare, cercando di strutturare progetti e relazioni che durino nel tempo e non siano solo un aiuto momentaneo.
L’obiettivo generale del progetto è trovare clienti che credono nella qualità e, scegliendo i prodotti offerti da queste cooperative, sostengano l’economia che lavora e che continua nei territori terremotati la ricostruzione del proprio futuro. Tutto questo attraverso l’azione delle cooperative, che genera anche nuove opportunità lavorative a favore di chi è più in difficoltà. «I valori che dal 2012 stanno alla base del progetto sono trasparenza, sostegno all’economia locale e solidale, sviluppo di lavoro anche per categorie con deficit di opportunità nel mercato. L’esperienza di “Natale per l’Emilia” si fonda su principi economici reali, sostiene un’economia che lavora con qualità, rispetta l’ambiente, riconosce pagamenti equi e tutela la salute dei lavoratori. Rinnoviamo la proposta di lavorare con aziende e persone che credono in questo progetto – concludono le cooperative sociali Eortè, Oltremare e Vagamondi -, secondo i principi del commercio equo solidale, dell’economia a km zero e della cooperazione sociale».14705618_10210171373388222_6502285942336708312_n14702278_10210171372748206_7068493204463051754_n14729108_10210171373428223_5725604534094701802_n

More in ComunichiaMO

To Top