Ucima a Chicago per esaltare l’eccellenza tecnologica italiana

Piega & Gloss riflessante e lucidante!
solo fino al 18/08
18,00 €
Piega in super offerta!
solo fino al 18/08
9,00 €
Taglio + piega in offerta
solo fino al 18/08
15,00 €
Le tue finestre come nuove!
solo fino al 12/08
80,00 €
?>

 

L’Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il confezionamento e l’Imballaggio sarà presente a Pack Expo, il più importante appuntamento fieristico di settore in Nord America, con iniziative promozionali per il packaging made in Italy.

Nell’ambito dell’Italian Evening@Pack Expo, in programma il 7 novembre, sarà presentato uno studio esclusivo realizzato da Euromonitor sulle opportunità offerte dal mercato statunitense

Sarà Pack Expo International, manifestazione di spicco nel panorama internazionale del processing e packaging, in programma a Chicago dal 6 al 9 novembre, la prossima meta promozionale di Ucima (Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il confezionamento e l’Imballaggio).

Grazie al supporto di ICE-Agenzia, l’Associazione sarà presente in fiera con tre stand di rappresentanza e una collettiva di 10 aziende italiane che si aggiungono alle circa settanta presenti in maniera autonoma. Oltre a fornire assistenza alle imprese espositrici italiane, Ucima provvederà a distribuire materiale promozionale e a fornire informazioni particolareggiate sulla manifestazione Ipack Ima, fiera italiana di riferimento per la clientela nordamericana.

Ucima e ICE-Agenzia hanno inoltre organizzato una serata di networking denominata Italian Evening @ Pack Expo tra aziende italiane, statunitensi, clientela nordamericana e stampa di settore.

L’appuntamento, calendarizzato per il 7 novembre dalle ore 18,00 alle 21,00 presso Eataly, sarà anche l’occasione per presentare uno studio esclusivo realizzato da Euromonitor International per conto di Ucima e ICE-Agenzia su Perceptions & Opportunity: packaging & packaging machinery in the US. La ricerca è stata realizzata incrociando dati di mercato e interviste a circa 250 end users americani e analizza l’andamento presente e futuro dei settori clienti, le tipologie di packaging e le tecnologie, le propensioni d’acquisto e le percezioni delle aziende americane sui loro fabbisogni tecnologici.

Lo studio intende offrire alle imprese italiane strumenti di analisi oggettivi per una maggior penetrazione del mercato statunitense dove, da qui al 2020, il settore food è stimato in crescita del +4,2% (+ 185 miliardi di dollari), quello del beverage del +3,4%(+ 21 miliardi di dollari), personal care e farmaceutico rispettivamente +18% e +30%.

Tali crescite stimate stanno portando i produttori locali a considerare a breve nuovi investimenti tecnologici. Il 67% del campione intervistato intende infatti acquistare nuovi macchinari nel prossimo biennio, anche in considerazione del fatto che la maggioranza del parco macchine installato ha oltre 7 anni di vita.

Si aprono pertanto ottime opportunità per i costruttori di macchine italiani la cui tecnologia è particolarmente apprezzata dalla clientela nordamericana per l’elevato grado di personalizzazione e le innovative caratteristiche in termini di automazione, sostenibilità, manutenzione predittiva e robotica.

Non perderti le ultime news dal mondo Mudneis!

Iscriviti alla Newsletter di Modena24

Diventa fan di modena24 su Facebook